Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

Bacche di acai: benefici e controindicazioni

Le bacche di acai sono sempre più utilizzate come semplice integratore o associate ad una dieta per le loro caratteristiche e le loro proprietà.

L’acai è prodotto da una palma di grandi dimensioni denominata Euterpe Oleracea che cresce nel centro del Brasile, all’interno dell’impenetrabile foresta pluviale. Da questa palma discendono dei ‘grappoli’ di bacche di acai, molto simili a grappoli uva di piccolo taglio. L’acai viene da sempre usata dagli indios non solo in cucina, ma anche come base per preparati medicinali e farmaceutici. Questo frutto è una drupa, quindi contenente un solo seme. A causa della sua grande delicatezza, è impossibile da reperire fresco, ed in Italia arriva solo sottovuoto, essiccato o liofilizzato.

Un etto di bacche di acai essiccate contiene:

52 grammi di carboidrati, 32 grammi di grassi e 8 grammi di proteine, per un totale di 534 calorie.

Fanno davvero bene le bacche di acai?

Questi frutti sono ricchi di fibre e di acidi grassi insaturi, ma contengono anche vitamina A, vitamina C (potente antiossidante), potassio, ferro, calcio, acido glutammico, acido vanillico, polifenoli e fitosteroli. Tutti questi elementi fanno si che la bacca di acai sia uno dei prodotti più studiati ultimamente, in quanto la comunità scientifica sembra essere sempre più interessata alle sue proprietà.

Il frutto è adatto per gli sportivi che necessitino di grandi quantità di energia per lo sforzo fisico, è consigliato nelle diete depurative per la sua capacità drenante ed antinfiammatoria, mentre le antocianine (i polifenoli che si trovano al suo interno) hanno azione benefica sulla microcircolazione, evitando che i capillari di piccolo diametro si rompano.

Infine la bacca dell’Euterpe Oleracea ha una potente funzione antiossidante, ovvero previene la formazione delle specie reattive derivanti dal metabolismo dell’ossigeno. Essa è quindi un efficace rimedio contro l’invecchiamento precoce dell’organismo. I suoi acidi grassi inoltre, aiutano a mantenere livelli ottimali di colesterolo, mentre gli omega 6 e gli omega 3 hanno effetti benefici nel sistema cardiocircolatorio e in quello nervoso.

Oltre a queste proprietà, le bacche di acai hanno anche un’importante funzione nel metabolismo lipidico ed aiutano quindi a perdere peso. Oltre che ad avere un’importante funzione preventiva contro l’obesità inoltre, esse hanno notevoli benefici sui muscoli, tessuti che traggono grandi benefici dal consumo di questa bacca. Le sue proprietà antiossidanti infatti, prevengono ‘l’avvelenamento’ del muscolo quando esso è sotto sforzo, aiutandolo così a smaltire i prodotti catabolici prodotti durante il lavoro muscolare.

Anche l’apparato gastrointestinale gode di notevoli benefici, in quanto questi frutti puliscono il colon, effettuando un’attenta pulizia intestinale, prevenendo il gonfiore addominale, l’irritabilità intestinale e migliorando l’efficacia dell’apparato digerente. Ma l’utilizzo più ampio di queste bacche viene effettuato proprio nel campo della dietologia, in quanto la loro ricchezza di fibre aumenta il volume gastrico e, di conseguenza, il senso di sazietà. Inoltre esse contengono grandi quantità di aminoacidi essenziali che aumentano anch’essi il senso di sazietà. Inserire nel proprio regime alimentare queste bacche quindi, qualora si segua una dieta ipocalorica, può aiutare ad accelerare gli effetti della dieta stessa, velocizzando il dimagrimento e rendendolo meno pesante. Questi frutti sono quindi da considerare alla stregua di un integratore, che insieme ad una dieta equilibrata ed ad un esercizio fisico costante possono aiutare a perdere quei fastidiosi chili di troppo.

Importanti sono anche i benefici cosmetici che queste bacche possono apportare, in quando aiutano il ringiovanimento della pelle grazie al loro grande contenuto di antiossidanti. Aiutano anche chi dovesse avere problemi di cellulite, in quanto le loro capacità antinfiammatorie contribuiscono ad eliminare questo fastidioso inestetismo. Può quindi essere utile utilizzare unguenti a base di estratti di acai.

Le bacche di acai hanno controindicazioni?

Malgrado questo prodotto abbia effetti benefici non indifferenti, è importante non esagerare con il suo consumo, in quanto un eccesso può causare meteorismo, diarrea e vomito. Inoltre in determinati soggetti particolarmente sensibili, l’elevato contenuto di fitosteroli e di fitochimici potrebbe causare una reazione allergica. Insomma, come per qualsiasi prodotto è importante non esagerare. Durante l’allattamento inoltre, è meglio astenersi dal consumo di queste bacche, che potrebbero avere effetti indesiderati sulla qualità del latte.

bacche di AcaiDove trovo le bacche di acai?

Le bacche di acai si trovano in negozi biologici specializzati che trattano prodotti di importazione o in negozi online. Sono disponibili nelle forme essiccate anche in erboristeria. A causa della difficoltà di reperimento (si trovano solo in zone molto impervie della foresta pluviale) il loro prezzo è abbastanza elevato.

Se esse vengono introdotte sotto forma ci compresse è bene assumerne 2 al giorno per 3 mesi. Qualora si consumino il succo e la polpa invece, è bene inserirli a cereali o yogurt, per attenuarne il sapore non molto dolce.

 

Tag:

Lascia un tuo commento