Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

L’agricoltura intensiva contro quella familiare

agricoltura intensivaL’Onu ha nominato il 2014 Anno Internazionale dell’Agricoltura Familiare per porre in risalto l’enorme potenziale degli agricoltori di piccola scala nella lotta alla fame e nell’uso sostenibile delle risorse.

Per l’occasione, Istituto Oikos, nell’ambito della campagna Food We Want, lancia un video (http://youtu.be/RCVWaGQDPKI) per stimolare la riflessione sui problemi creati dall’agricoltura intensiva e sui vantaggi legati all’agricoltura sostenibile.

Obiettivo del video, aiutare i consumatori di tutto il mondo a decidere quale tipo di modello agricolo sostenere: comprare il cibo “giusto” può voler dire rispettare i diritti dei lavoratori e dell’ambiente, tutelando anche il nostro benessere. L’agricoltura intensiva – denuncia Istituto Pikos – ha contribuito notevolmente alla perdita di sovranità alimentare, di biodiversità, all’inquinamento globale e alla diffusione di malattie.

Oggi le monocolture e le fonti fossili minacciano sia i consumatori che i coltivatori, soprattutto nei Paesi più poveri, dove le grandi società multinazionali acquistano ingenti superfici di suolo sottraendolo ai contadini.

Food We Want è una campagna di sensibilizzazione finanziata dall’Unione Europea che si svolge in 8 paesi (Italia, Polonia, Portogallo, Spagna, UK, Kenya, Mozambico, Tanzania), con l’obiettivo di condividere idee, promuovere soluzioni comuni e stimolare il dibattito sul futuro del cibo e su un’agricoltura più equa e sostenibile

Lascia un tuo commento