Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

L’orto nel mese di settembre: semina e raccolto

Settembre è il mese in cui si passa dalla stagione estiva a quella autunnale: per questo la cura dell’orto richiede una particolare attenzione.

In questo mese bisogna raccogliere le erbe aromatiche e gli ortaggi estivi prima che sia troppo tardi e quindi si prepara il terreno così da seminare le specie che andranno raccolte a fine autunno e in primavera. Si consiglia di seguire il calendario lunare per portare a compimento queste operazioni nel miglior modo possibile.

Per quanto riguarda gli ortaggi da raccogliere, in questo periodo sono pronti le zucchine e gli ultimi pomodori. Bisogna raccoglierli prima che il brutto tempo possa danneggiarli. Inoltre si raccolgono le piante aromatiche, in particolare la menta, il basilico, il prezzemolo, l’origano e la melissa. Si consiglia di far essiccare le foglie all’ombra, lontano dall’umidità e con un buon ricambio d’aria, per poterle sfruttare durante l’inverno.

Invece, dopo aver raccolto i peperoncini, si fanno essiccare così da poterli usare per delle salse e conserve. Infine, se nell’orto vi sono piante da frutto, il mese di settembre è il momento per raccogliere mele, fichi, uva e pere. Nelle aree con un clima mite sono pronti anche le melanzane, gli ultimi peperoni e le more.
A settembre è anche necessario trapiantare alcune varietà, in quanto l’autunno è il periodo ideale per queste operazioni. Il terreno, infatti, è ricco di sostanze nutritive, ben irrigato e ancora pieno di calore. Tra le specie da trapiantare vi sono i porri, i cavoli, il radicchio e la cicoria. Proprio come per la semina, prima di effettuare il trapianto si vanga il terreno dell’orto, così che sia ben arieggiato.
In secondo luogo è possibile seminare alcune verdure e ortaggi direttamente nell’orto: tra queste varietà si ricordano il cavolo verza, il prezzemolo, gli spinaci, l’indivia, i ravanelli, il lattughino da taglio, la scarola, la rucola e il radicchio.

Invece le carote, le rape, le cipolle, le cime di rapa e le bietole devono essere preparate in semenziario e solo successivamente si possono trapiantare nell’orto.

Per buoni risultati nella semina direttamente nell’orto bisogna seguire con attenzione le distanze riportate sulle etichette delle confezioni dei semi: in questo modo ogni piantina ha tutto lo spazio di cui necessita per crescere e svilupparsi in maniera ottimale.
Inoltre bisogna tenere a mente che se si segue il calendario lunare per i lavori nell’orto, i risultati saranno migliori. Ad esempio, durante il periodo di luna calante, dal 15 settembre in poi è preferibile raccogliere tutti gli ortaggi da impiegare per le conserve sott’olio. Inoltre si trapiantano i porri (sono verdure pronte in primavera) e si seminano le cipolle, i vari tipi di lattuga, gli spinaci e il radicchio. Invece la fase di luna crescente va dal 2 al 15 settembre ed è ideale per la semina di carote, rape, bietole, lattughino da taglio e cavoli: in questo modo il raccolto sarà più abbondante. Al tempo stesso si trapiantano il radicchio, i finocchi e la cicoria.

La fase di luna crescente del mese di settembre è anche quella particolarmente indicata per preparare le talee di rosmarino, salvia, maggiorana e altre erbe aromatiche. In questo modo si possono riprodurre le varietà e poi trapiantare le piantine.

Print Friendly

Post che potrebbero interessarti:

Tag:

Lascia un tuo commento