Your message has been sent, you will be contacted soon

Call Me Now!

Chiudi

L’acido citrico fa male? Vediamo i suoi mille utilizzi.

L’acido citrico fa male? Vediamo tutti gli aspetti

Che cos’è l’acido citrico

L’ACIDO CITRICO è un composto inodore e incolore ricavato principalmente dal succo di limone e utilizzato in una molteplice varietà di applicazioni. Fino dai primi anni del 1900, i ricercatori hanno scoperto che poteva essere prodotto attraverso fermentazioni utilizzando funghi, così da creare acido citrico.

A causa della sua natura acida, l’acido citrico è usato principalmente come agente aromatizzante e conservante, specialmente nelle bevande analcoliche e nelle caramelle, viene anche usato per conservare e stabilizzare medicinali, e come disinfettante contro virus e batteri. E sopratutto negli ultimi anni nella pulizia della casa, essendo un prodotto naturale e rispettoso dell’ambiente.

Possiamo trovarlo naturalmente in alcuni alimenti, ovviamente gli agrumi e i loro succhi sono le migliori fonti naturali di acido citrico, come limoni, lime, arance, uva e pompelmi. E in quantità minore in ananas, fragole, lamponi, mirtilli, ciliegie e pomodori.

TUTTI DOVREMMO AVERLO IN CASA, UNA VOLTA PROVATO NON NE FARETE PIU’ A MENO.

Quali sono gli usi artificiali

Le caratteristiche dell’acido citrico ne fanno un importante additivo per una bella fetta di industrie.

Cibo e bevande utilizzano circa il 70% di acido citrico fabbricato, gli integratori dietetici e farmaceutici ne consumano il 20% e il restante 10% è destinato ai detergenti industriali.

Industria alimentare

L’acido citrico fabbricato è uno degli additivi alimentari più comuni al mondo. È usato per aumentare l’acidità, migliorare il sapore e preservare gli ingredienti. Bibite, succhi, caramelle, cibi surgelati e alcuni prodotti caseari contengono facilemente acido citrico tra i propri ingredienti.

Viene anche aggiunto a frutta e verdura in scatola per proteggersi dal botulismo, una malattia rara ma grave causata dai batteri del botulino che producono tossine mortali.

Limonata speciale: 50g di zucchero, 1 cucchiaino di acido citrico, 1 cucchiaio di succo di limone mescolato in 1L d’acqua. Servire freddo.

Sapevi che puoi creare la mozzarella con i tuoi bambini? Metti una pentola 1L di latte, nel frattempo sciogli 1 cucchiaino scarso di acido in un bicchiere di acqua fredda, porta il latte a 25° e spegni il fuoco. Mescola lentamente e aggiungi l’acido citrico portandolo a 90°, continua a mescolare finchè vedrai che la cagliata non si sarà formata, spegni e attendi 5 minuti in modo che la cagliata salga verso l’alto. Appoggia una garza nello scolapasta, metti dentro la cagliata e attendi 10 minuti che perda il liquido. Ora hai un formaggio fresco che può durare 2 settimane in frigo.

Nella creazione della maionese fatta in casa puoi aggiungere l’acido citrico come emulsionante.

Altre ricette nel nostro eBook!!

 

SCARICA GRATIS L’EBOOK “La guida definitiva e più completa”

Farmaci e integratori alimentari

L’acido citrico è un prodotto industriale presente nei medicinali e negli integratori alimentari. Viene aggiunto ai medicinali per aiutare a stabilizzare e preservare i principi attivi e utilizzati per migliorare il gusto dei farmaci masticabili e a base di sciroppo. Negli integratori, sotto forma di citrato, per migliorare sapore e assorbimento dei minerali.

Ma lo troverai in tantissimi prodotti di uso quotidiano come nello shampoo e balsamo, nei coloranti per capelli, nei saponi liquidi per le mani, nel bagnoschiuma, nelle matite per occhi, nei deodoranti, nelle salviette per neonati, smalti per unghie, creme, ecc.

Disinfezione e pulizia

L’acido citrico viene venduto come agente disinfettante e detergente generale per la rimozione di macchie, calcare e ruggine, avendo la proprietà di ridurre la durezza dell’acqua. È considerato una valida alternativa ai tradizionali disinfettanti e prodotti per la pulizia, come ad esempio la candeggina (molto inquinante). Utilizzandolo come principale detergente è possibile risparmiare parecchio, oltre al fatto che si tratta di un prodotto non dannoso.

E’ inoltre utilizzato in detergenti per auto, detergenti per metalli, detergenti per forno, detergenti per bagni e piastrelle, detergenti per tappeti, detersivi per piatti e bucato, deodoranti per ambienti, detergenti per vetri, smacchiatori e accessori per risciacquo per lavastoviglie.

Un ottimo uso che vi consiglio è di utilizzarlo come brillantante per lavastoviglie (75 grammi di acido citrico sciolti in 0,5L di acqua distillata) e versato nell’apposito scomparto.

Per l’ammorbidente della lavatrice ( 15 grammi di acido citrico mescolati in 100 ml di acqua versato nella vaschetta dell’ammorbidente).

Metti in uno spruzzino un 15/20% (circa 80 g) di acido citrico e riempi d’acqua, ecco creato un anticalcare, rimuovi macchie, detergente per vetri, provalo sul vetro doccia lasciandolo agire 5 minuti.

 

SCARICA GRATIS L’EBOOK “La guida definitiva e più completa”

 

Benefici per la salute

L’acido citrico ha molti benefici per la salute.

L’acido citrico – sotto forma di citrato di potassio – previene la formazione di nuovi calcoli renali e rompe quelli già formati.  Infatti viene consigliato un consumo di alimenti ricchi di questo acido naturale, come gli agrumi, che possono offrire vantaggi alla prevenzione dei calcoli.

Sicurezza e rischi

Dunque alla domanda “l’acido citrico fa male?“, rispondiamo dicendo che è riconosciuto come prodotto sicuro. Ma bisogna comunque rispettare alcuni accorgimenti e precauzioni.

La respirazione dell’acido citrico può causare sintomi respiratori, come tosse, mancanza di respiro e mal di gola. Il contatto con gli occhi può causare arrossamenti e dolore, il contatto con la pelle può causare arrossamenti. Inoltre, l’elevata assunzione di acido citrico può causare dolore addominale e mal di gola. Si suggerisce per coloro che lavorano con gli acidi citrici, la protezione della pelle e degli occhi e avere una ventilazione adeguata.

Mentre i residui di muffa del processo di produzione possono innescare allergie in rari casi.

Essendo una sostanza acida non deve essere usato sulle superfici in marmo, legno, pietra naturale e cotto, e non direttamente sui vestiti.

Effetti ambientali

L’acido citrico si trova naturalmente nei cibi e nell’acqua, e sono facilmente biodegradabili nell’ambiente, quindi non si hanno effetti negativi dal suo utilizzi. Leggere sempre la scheda informativa sulla confezione.

Dove comprarlo

Quando si parla comunque di additivi da aggiungere ai cibi, anche se naturali, il mio consiglio è quello di scegliere prodotti certificati. Nella nostra famiglia prendiamo un prodotto venduto su Amazon. E’ un prodotto biologico e certificato per la preparazione di alimenti, scatola da 2,7 KG super conveniente per l’uso che ne facciamo. Link Acido Citrico 2,7kg

Un altro prodotto che utilizziamo è venduto da un’azienda italiana, la confezione è più piccola, da 500g, sempre bio. Link Acido Citrico Naturplus

Vi consiglio questi 2 prodotti per l’ottima qualità che abbiamo riscontrato, i primi acquisti fatti da noi ovviamente erano volti solo a risparmiare, ma una volta capito quali erano le differenze fra i vari prodotti, come ad esempio la granella più fine che risulta essere facilmente solubile, sapere che sono privi di sbiancanti, che sono lavorati e creati in Italia, ci hanno fatto concentrare gli acquisti su questi 2 prodotti.

Post che potrebbero interessarti:

Tag:

Lascia un tuo commento